Home » #IORESTOACASA – MA VADO AL MUSEO

#IORESTOACASA – MA VADO AL MUSEO

Lezioni di yoga online, sperimentazione di nuove ricette, aperitivi virtuali con gli amici di sempre… tante sono le attività a cui ci si può dedicare in questo periodo di quarantena e, per chi non vuole rinunciare ad un po’ di cultura, ecco una serie di soluzioni per visitare i musei che più ci interessano comodamente dal divano di casa.

 


PER CHI SI VUOLE MUOVERE DA UN’ESPOSIZIONE ALL’ALTRA, ALL’INTERNO DI UN’UNICA PIATTAFORMA.

Google Arts & Culture

Google Art e CultureDisponibile anche in versione app, questo portale permette di entrare in più di 500 musei e siti archeologici di tutto il mondo attraverso dei veri e proprio tour virtuali. Le opere, digitalizzate ad altissima risoluzione, possono essere osservate fin nel più piccolo dettaglio (permettendoci di cogliere dei particolari che dal vivo ci risulterebbero quasi invisibili).

Non mancano ricostruzioni 3D, visite guidate a cura di esperti e, per chi è in possesso del visore Google Cardboard, la possibilità immergersi a 360° nelle gallerie d’arte grazie alla Realtà Virtuale.

Per chi ha voglia di divertirsi un po’, si può accedere alla funzione Art Selfie e trovare il ritratto più simile al proprio volto, oppure scattare una foto e, tramite la “Color Palette”, scovare le opere d’arte con le stesse cromie di colori della nostra immagine.

Tra le attrazioni più gettonate che possiamo visitare tramite Arts & Culture troviamo sicuramente il “Van Gogh Museum” di Amsterdam, il “MoMA” di New York e il “Taj Mahal” indiano.


PER CHI HA LE IDEE CHIARE

Numerosi sono i siti ufficiali dei musei (italiani e non) che hanno una sezione dedicata ai virtual tour.

Musei Virtuali

Eccone 10 tra i più interessanti:

Pinacoteca di Brera – Milano – Un excursus completo dalle prime forme d’arte rinvenute come reperti archeologici, ai capolavori del XX secolo.

Le Gallerie degli Uffizi – Firenze – Per ammirare, tra tutte, le opere di Giotto, Botticelli, Filippo Lippi e Michelangelo.

Musei Vaticani – Per rimanere a bocca aperta davanti alle Stanze Vaticane di Raffaello o alla Cappella Sistina.

British Museum – Londra – Per spaziare dall’antica arte Maya fino ad arrivare alle affascinanti opere orientali.

Museo del Prado – Madrid – Per scoprire i capolavori dell’arte spagnola, ma non solo. Troviamo infatti nomi come Diego Velázquez, Francisco Goya, Tiziano e Raffaello.

Museo archeologico nazionale di Atene – Per una vera e propria full immersion nell’antica Grecia.

NASA Museum Non un vero e proprio museo, ma una raccolta di tuor virtuali dei centri spaziali NASA, per chi sogna viaggi astronomici!

Hermitage Museum – S. Pietroburgo – Uno dei musei più grandi al mondo, allestito all’interno della residenza degli zar di Russia del 700. Quale occasione migliore per poterlo visitare in tutta calma?

Gugghenaim – New York – Per gli appassionati di arte moderna e contemporanea.

National Gallery of Arts – Washington – Per chi vuole scoprire la più vasta e completa pinacoteca degli Stati Uniti.

 


PER I VERI SOCIAL ADDICTED

In tempo di quarantena, anche i musei diventano digital. Ecco qualche iniziativa da seguire su Instagram, Facebook e Youtube.

Musei Virtuali

Passeggiate del Direttore – Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino, organizza e pubblica, ogni giovedì e sabato, dei mini-tour tematici alla scoperta delle collezioni esposte.

#MudecDelivery – Il Mudec, Museo delle culture di Milano, porta giornalmente, tramite post o mini-video, l’arte a casa tua. Da non perdere!

Musei a domicilio – con la Fondazione Brescia Musei – Una delle città più colpite dall’emergenza sanitaria si mette in gioco sui social con una serie di interessanti iniziative culturali: tra tutte, l’appuntamento giornaliero con #fuorimuseo (un viaggio alla scoperta delle collezioni e dei tesori bresciani tramite post dedicati) e “Carta di identità di un’opera” (brevi podcast dove le opere stesse si descrivono attraverso la voce dei curatore della collezione)

 


PER I PIÙ PICCINI

Per rendere ancora più produttivo il tempo libero da passare in famiglia, molti musei italiani hanno dato il via a numerose iniziative per stimolare la creatività dei più piccoli.

Bambini e Musei

Family LAB – Sui canali social del PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, si possono trovare dei brevi video per imparare a costruire delle semplici opere d’arte, partendo dai materiali di scarto che abbiamo in casa.

#vietatoagliadulti – Questo hastag particolare è il filo conduttore di una serie di tutorial creativi a misura di bambino che il MUDEC mette a disposizioni su Instagram e Facebook.

Infinito@home – kids – Si tratta dello spazio virtuale che il Planetario e il “Museo dell’Astronomia e dello Spazio” di Torino dedicano alle famiglie che hanno voglia di dedicarsi, in modo divertente, alla scoperta delle costellazioni.

Un vestito per la principessa – I Musei Reali di Torino mettono a disposizione modelli e istruzioni per provare a ricreare il lussuoso abito di una principessa del 1600.

Museo chiama casa – Speciale bambini I musei di Firenze, tramite il sito dell’associazione Mus.e, intrattengono i più piccoli con giochi, favole e attività manuali.

Le iniziative per non annoiarsi e continuare a seguire le proprie passioni non mancano e, in attesa di tornare a visitare le nostre città, non ci resta che augurarvi una buona immersione nell’arte digitale.

 

Valeria Rosa
Valeria Rosa

Valeria, graphic designer, ama le texture, i colori pastello e la creatività in tutte le sue forme. Ha trovato in Milano, città del design per eccellenza, una ricca fonte di ispirazione per il suo lavoro e le sue passioni.Le piace viaggiare, conoscere nuove culture e assaporare cibi etnici. Da vera dog-lover, ama le passeggiate all’aperto in compagnia del suo amico a 4 zampe, meglio se su un sentiero di montagna! Unendo i suoi interessi ad un pizzico di curiosità, scrive di mostre, arte e cultura della città meneghina e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *