Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Spesso si vive la propria vita convinti di sapere cosa sia giusto fare per ottenere il futuro che abbiamo desiderato da sempre.
Si sacrificano amici, famiglia, spesso perfino amore e tutto per rincorrere un progetto, un lavoro, un ruolo che crediamo sia quello perfetto per noi.
Anni di studi, di notti sui libri o sere davanti al pc per raggiungere un obiettivo, portare a casa quel risultato che per noi é fondamentale.
Poi, come capita con gli amori totalizzanti, si realizza che dopo un po’, alcune amarezze non vanno piú giú e che forse quei ruoli che ci sono stati cuciti addosso a doppio filo, iniziano ad andarci stretti.
E così si aprono nuove strade, nuovi progetti, altre priorità.
Vi é capitato già?
E cosa avete fatto? Avete seguito la vocina che vi diceva di tentare una nuova strada sconosciuta oppure vi siete convinti che la cosa migliore fosse continuare il cammino già stabilito?
Decisione dura da prendere vero? Certo, ignorare le proprie sensazioni puó essere un tradimento nei vostri stessi confronti e, a lungo andare, anche un errore madornale.
Cambiare prospettiva, affrontare certe scelte in modo consapevole…non é mai facile e soprattutto, non è scontato.

 

Il tema è orientare, indirizzare, sostenere e sviluppare potenzialità piú o meno latenti.
Se poi lo si fa in modo leggero (ma MAI superficiale) e divertente, così come lo fanno le 3 professioniste di CoCoLab, allora diventa tutto piú coinvolgente e… naturale.
Sabrina, Giuseppina e Francesca, sono le 3 sprintosissime founders di un laboratorio di conoscenza e condivisione di esperienze e punti di vista, tutte con un percorso professionale diverso alle spalle, ma con studi approfonditi nel counseling (e formazione nell’ambito del coaching) che le hanno portate a condividere strumenti per vivere e lavorare meglio.

Tra le formule vincenti proposte da CoCoLab, non possiamo non parlarvi dei Dopolavoro, incontri organizzati ogni quindici giorni da Bottegas e da Pause (due pepite che conoscete bene) che prevedono uno speech su un tema specifico tenuto da un relatore, a cui segue un aperitivo in cui le persone si conoscono e portano al servizio degli altri le proprie esperienze, idee, soluzioni.

 


E ancora, vi parliamo dei CoCout, gite fuori porta su due ruote (in bicicletta… pedalare!!) con tanto di cestino da picnic per passare una domenica all’aria aperta divertente…. e utile ;-).

Poco tempo nel weekend e la sera uscite tardi dall’ufficio? Sfruttate la formula Pausa Pranzo che permette di nutrire corpo e allo stesso tempo, stimola lo spirito e la curiosità.
Sono ovviamente previsti laboratori individuali e training group, ma a prescindere dal format, ciò che rende CoCoLab un’idea vincente é la possibilità di cambiare prospettiva e metterla in gioco a prescindere dall’obiettivo, sia esso rinnovare il proprio CV, trovare le proprie reali attitudini professionali o imparare la difficilissima arte del dire di no.

Sabrina, Francesca e Giuseppina sono 3 vulcani di idee: ecco perchè parleremo ancora e spesso di loro e di CoCoLab.
Nel frattempo, vi invitiamo al CoCout di domenica 23 settembre (ve ne parleremo a breve nella sezione Un weekend da Pepite) e a prenotare le ultimissime sessioni di coaching ‘Job Help‘ da Pause, il prossimo mercoledì 26 Settembre.

Insomma, siete ancora convinti che non ascoltare le proprie sensazioni sia ancora la cosa giusta da fare e che cambiare punto di vista sia un’esperienza così titanica? 😉

 

DOVE:

CoCoLab

http://www.cocolab.it/

Facebook page

http://www.cocolab.it/contatti/

 

 

Ilaria

Ilaria, segno zodiacale Leone, classe 1980, cresciuta in Umbria a suon di Mila e Shiro e Soldini del Mulino Bianco, si fa adottare da Milano e dai tramonti dei Navigli, di cui si innamora durante un tormentato master in Bocconi.
Ama Andrea, Domitilla e Susina, ma anche la pasta frolla, il rossetto rosso, lo yogurt greco, la bossanova, i fiori di zucca fritti, l’Islanda e il Giappone. Le piace mettere insieme le persone e i progetti, è tenace e non molla mai.

Motto: We shall never surrender (cit. Winston Churchill).

Nessuna risposta

Lascia un Commento