Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

I Maya credevano che il cacao avesse il potere di liberare desideri nascosti e di svelare il destino‘ dice Vianne – alias Juliette Binoche nel celebre film Chocolat.

Premetto che a me ‘sti Maya risultano leggermente indigesti, specialmente quando si lanciano in profezie meritevoli di scongiuri vari ed eventuali, ma ammetto che nel caso del cioccolato, un pensierino sul fatto che abbiano ragione lo faccio volentieri.

Che il cacao sia consolatorio, eccitante, godurioso, premiante e anche un po’ afrodisiaco è dato di fatto; che invece sveli il destino un po’ meno: al massimo può presagire che, se se ne abusa, il destino ci farà rotolare invece che camminare.

 

 

Ma questo è un altro discorso.

Visto che il 2012 pare sia l’anno della recessione, dei momenti bui, dei sacrifici e chi più ne ha più ne metta, ci pare giusto dare un colpo al cerchio e uno alla botte, parlando di qualcosa di estremamente gratificante e accessibile a tutti: il cioccolato.

Lo facciamo parlandovi di una Pepita scoperta durante le vacanze di Natale a casa dei miei genitori, dove tutto diventa così facile e felice (scusate il gioco di parole), che scovare posticini del genere sembra del tutto naturale 🙂

 

Fani, piccolo ma grande laboratorio di cioccolateria artigianale, fonde sapienza, passione e bellezza.

Sapienza per la grande ricerca della qualità delle materie prime, passione per il cioccolato sotto tutte le sue molteplici forme, bellezza per il gusto, per la forma…e perchè in fondo il cacao, la sua miscelazione e creazione, sono vera e propria Arte

All’interno del minuscolo ma delizioso punto vendita, veniamo accolti da un pungente e piacevolissimo profumo di cacao misto a liquore; al lato del bancone, un piccolo tavolo con un paio di sedute imbottite e un centrino di pizzo d’altri tempi, sembrano pronti a coccolare gli avventori golosi e ad ospitarne i momenti più dolci.

In sottofondo, jazz e bossanova contribuiscono a rendere l’atmosfera ancora più ovattata e rilassante; la luce dorata dell’ambiente conferisce alle lastre di cioccolato alle nocciole, alle mandorle, al latte e fondente dei delicati bagliori preziosi, come fossero quasi state spruzzate d’oro splendente.

 

 

Sul bancone, morbidi ed invitanti macaroons richiamano la delicatezza delle sfumature rosate dei mobili da dove fanno bella mostra di sè tavolette di cioccolato e frutta secca, vasetti di Monella (golosa crema spalmabile alle nocciole), lingotti bigusto e croccanti di mandorle e riso soffiato ricoperti.

Invitanti bon bon alla Monella e fichi, noci e pinoli, ma anche al mandarino, al Vin Santo, crema whiskey e Porto, profumate scorze d’ arancia e cedro glassate al cioccolato, perfette da abbinare ai vini e liquori che arredano tutt’intorno gli scaffali delle alte credenze che circondano e abbracciano il negozio.

Dalla Malvasìa di Lipari alla China Dr. Clementi (venduta anche in piccole bottiglie simile a pozioni magiche), Porto RCV Vintage annate dal 2001 al 2004, Distillato di frutta Cascina Lovera, Cognac e così via.

Un paradiso per gli intenditori e per semplici buongustai.

Al lato del tavolino, un piccolo orologio a pendolo ci ricorda che dobbiamo andare, ma anche che c’è sempre tempo per godere e assaporare le cose buone della vita.

Fani e il suo cioccolato è una di queste.

 

 

 

DOVE:

Cioccolateria Artigiana Fani,

Shop Corso Vecchio, 145 Terni

Laboratorio via degli Artieri, 23 Terni

Tel 0039 0744 433921

Ilaria

Ilaria, segno zodiacale Leone, classe 1980, cresciuta in Umbria a suon di Mila e Shiro e Soldini del Mulino Bianco, si fa adottare da Milano e dai tramonti dei Navigli, di cui si innamora durante un tormentato master in Bocconi.
Ama Andrea, Domitilla e Susina, ma anche la pasta frolla, il rossetto rosso, lo yogurt greco, la bossanova, i fiori di zucca fritti, l’Islanda e il Giappone. Le piace mettere insieme le persone e i progetti, è tenace e non molla mai.

Motto: We shall never surrender (cit. Winston Churchill).

Nessuna risposta

Lascia un Commento