IN PAUSA PRANZO...ZERO BRICIOLE! | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Ore 10,15. Nel lontano 1986, suonava la campanella della ricreazione presso la scuola elementare Cesare Battisti in quel di Terni, nella ridente verde Umbria.

La bambina Ilaria estraeva dalla cartella, bramosa, una famosissima briochina stretta e lunga avvolta nell’involucro trasparente.

Al primo morso: tragedia.

Polverizzata. E non nella mia pancina di bimba di 5 anni, ma sul mio grembiulino blu (eh sì, mica bianco, blu notte :(). La maledetta famosa briochina si sbriciolava senza vergogna, suscitando, ogni volta, disappunto misto a scoramento. Potete quindi capire perchè, da grande, odi le briciole e gli sbriciolamenti in generale.

Senza scomodare ricordi d’infanzia, pensiamo a quanto sia fastidioso quando in pausa pranzo, addentando un panino, ci ritroviamo regolamente con una serie di decorazioni croccanti sui vestiti stile ‘avresti bisogno di un bavaglino‘.

Zero briciole azzera (appunto) il problema: Martina Camporeale, ‘mamma’ del progetto, ha pensato infatti a qualcosa di più di un semplice food delivery, ma ha creato una serie di golosissimi piatti da passeggio, ideali per mangiare qualcosa di buono ovunque, senza preoccuparsi di ungersi, sbriciolare tutto intorno, farsi delle simpatiche macchie sugli abiti.

steccorisoIn treno, al parco, per strada mentre si comprano gli ultimi regali di Natale: Zero Briciole consegna velocemente, arrivando in bicicletta e premiando palato e occhio: il pollo e il risotto giallo diventano ‘stecchi’, simili a ghiaccioli ma solo nella forma.

Il menù è ricco e va dalla crema di carote e pollo ai maki dop con pane ai semi, gorgonzola, nocciole, radicchio, sedano, marmellata di cipolla fatta in casa, pepe, olio extravergine di oliva.

Maki dop

 

Per Natale poi ci sono anche le proposte ad hoc come il pranzo regalo ‘pappa e ciccia‘ o il classico panettone con uvetta e canditi “Cova”, crema di zabaione.

Qualche esempio di dolce ‘zero briciole’? La cake pop sacher e le lemon pie pop. E voi che ci leggete sapete bene quanto amiamo le cake pops 😉

 

2_CakeP

 

Noi di Pepite troviamo l’idea di Martina, sommelier, appassionata foodie e consulente per la ristorazione, assolutamente interessante, giovane, veloce e gustosa.

E voi cosa aspettate? Mollate quel toast col formaggio che vi cola sul piumino e ordinate il vostro stecco di riso 🙂

 

DOVE:

Zero Briciole

www.zerobriciole.com

info@zerobriciole.com

 

2 Risposte

  1. Francesca

    ciao Ilaria, dai sempre dei suggerimenti interessanti ma questo, bé, è assolutamente geniale! proverò sicuramente!
    un abbraccio e visto che manca poco…buon Natale!
    francesca

    Rispondi

Lascia un Commento