QUI FOOD - UOVA DI PASQUA GOURMET | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

La mattina di Pasqua, quando ero bambina, era caratterizzata dalla stessa fibrillazione che accompagnava quella di Natale. Le uova, tutte in fila sul tavolo, attendevano manine ansiose di fare a pezzi carte e nastrini e piccoli pugni impazienti di stanare sorprese.

E poi vogliamo mettere la soddisfazione di una colazione legittimamente a base di cioccolato, con buona pace di mamma e papà?

Crescendo, quel gusto di proibito rimane (se non addirittura si amplifica), prese come siamo dal centellinare dolci e calorie in vista della tanto temuta prova costume.

Scegliamolo di qualità, allora, questo peccato di gola e ricordiamoci che non si è mai troppo grandi per l’uovo di Pasqua!

Uovo di cioccolato Domori

 

Se amate i prodotti esclusivi, andate a colpo sicuro su Domori, che propone un uovo di cioccolato fondente extra realizzato con il cacao fine più puro e più raro in assoluto: il Criollo.

Questa varietà di cacao, delicatissima da coltivare a causa di una scarsa resa e una bassa resistenza della pianta alle malattie, rappresenta infatti soltanto lo 0,001% della produzione di cacao mondiale.

Di origine venezuelana, vanta note di frutta secca, fragranza di pane, marmellata e crema di latte (33 euro il formato da 150 gr).

 

Uovo di cioccolato Gayodin

 

Tris di uova artigianali per Gay-Odin: nero al peperoncino (25 euro l’uovo da 400 gr), ricoperto di scorzette di arancia candita al cioccolato fondente (25 euro l’uovo da 400 gr) e il Foresta (40 euro l’uovo da 700 gr), cioccolato al latte o fondente a sfoglie per il quale la maison è famosa.

La storia della fabbrica inizia con Isidoro Odin, giovane confettiere e cioccolatiere di Alba che inaugura, nel 1922, la prima bottega partenopea; oggi le botteghe a Napoli sono nove, oltre la sede a Roma e alle due di Milano.

Uova di cioccolato Ducasse

Spostandoci Oltralpe, il pluristellato Alain Ducasse ci propone capolavori di gusto e forma.

La “manifacture de chocolat”, aperta a Parigi in un ex garage Renault, è una vera e propria fabbrica del cioccolato delle fiabe.

A guidare la selezione del cacao e tutte le fasi della lavorazione, per la quale sono state rispolverate macchine d’epoca che sono veri gioielli d’antiquariato, il maitre chocolatier Nicolas Berger, investito di questo ruolo da Ducasse dopo ben 12 anni di lavoro insieme.

L’oeuf feuilleté, tre strati di cioccolato fondente, crêpes dentelles (friabilissimi e burrose cialde biscotto della Bretagna) e pralinato: un’esplosione di croccantezza la creazione di Pierre Tachon, grafico e designer del gruppo Ducasse (30 euro l’uovo da 250 gr).

Originale alternativa la classica confezione in cartone che contiene 4 uova a grandezza naturale, ciascuna ripiena di una diversa pralina ai gusti noce di cocco, pistacchio, mandorla e nocciola (32 euro per 240 gr di prodotto).

 

Uovo di Pasqua Hermè

 

Capolavori nascono anche dalle sapienti mani di Pierre Hermè l’oeuf mendiant, disponibile nelle versioni milk e dark, rispettivamente con il 45% e il 66% di cacao.

Entrambi decorati con un vero tripudio di nocciole, mandorle, pistacchi, arance e zenzero candito (45 euro l’uovo da 14 cm), prendono spunto proprio dai tradizionali cioccolatini provenzali, i mendiant; dischi di cioccolato decorati con diverse tipologie di frutta secca, ognuna delle quali rappresentava un ordine monastico: uvetta per i francescani, noci e nocciole per i carmelitani, mandorle a metà per i domenicani e fichi per gli agostiniani.

Hermè consiglia di degustarlo sorseggiando un tè nero.

 

Uova di Pasqua Godiva

Un uovo “con il trucco” quello di Godiva: lo storico brand belga, famoso per le sue praline, decide di impreziosire il cioccolato attraverso una confezione limited edition dal design floreale (al momento nello shop on line sono rimasti soltanto 12 pezzi, 32 $ spese di spedizione escluse).

I gusti in cui propone i suoi ovetti sono uno più onirico dell’altro: latte condensato, ganache al cioccolato fondente, lampone e fondente, latte e burro di mandorle, latte e caramello.

Se uno tira l’altro, il fondo della scatola si vedrà fin troppo facilmente.

 

Lascia un Commento