SANTERIA MILANO | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Cosa c’è di più triste dell’ultimo giorno delle vacanze estive?

Quando tutto era leggero, quando sembrava che quei due mesi lontano dalla scuola avessero la potenzialitá di cambiare per sempre la mia vita.

Mi ricordo la sensazione di nostalgia che mi assaliva da piccola al finire della stagione in cui le colazioni con tè freddo e biscottini sostituivano i tazzoni di latte caldo (che odiavo) e le chiacchiere con mia mamma o mia nonna prendevano il posto della noiosa voce del radiogiornale del mattino.

Quando tutto era leggero, quando sembrava che quei due mesi lontano dalla scuola avessero la potenzialità di cambiare per sempre la mia vita.

santeria7
E ora, che le vacanze sono diventate di due settimane, mantengo ancora l’idea infantile che al rientro tutto sia diverso, rinnovato, che una nuova avventura stia per ricominciare.

Che sia vero o meno, mi piace continuare a tenermi stretta questa sensazione, soprattutto in giorni come questo, l’ultimo prima di ricominciare. E ho detto tutto.

Così, per sentirmi ancora un po’ in vacanza, ho deciso con Andrea di concederci una colazione che praticamente è quasi un pranzo considerando l’ora in cui siamo arrivati, alla Santeria.
Per quei pochi che non la conoscessero, la Santeria è una factory progettata da importanti nomi della scena musicale milanese, dal Magnolia, al Godzilla mkt, Tunnel, Pecoranera etc.

santeria

In Santeria puoi fare una colazione continentale con prosciutto crudo, formaggio, pane tostato, burro e marmellata, yogurt e noci e caffè americano, oppure puoi venire a pranzo e mangiarti un’insalata blogger con pollo sfilettato e verdurine, o meglio ancora passare a merenda e volerti bene con una delle torte del giorno (per la cronaca, la nostra era con nocciole, cannella, mandorle caramellate ed una crosticina croccante e calda che avrebbe resuscitato perfino Carla Sozzani).

santeria2

Il sabato potete mangiare con musica live in sottofondo a partire dalle 12 e la domenica fare un brunch in cortile, se il tempo lo permette, a base di pane burro e marmellata, un piatto super completo con costolette d’agnello, burrata con zeste di agrumi, cous cous alle taggiasche, caponata di verdure e uovo in rosso (per fare un esempio), completando con una mousse al caffè mentre sorseggiate succo di arancia o pompelmo e l’immancabile caffè americano.

santeria6

Se non ve la sentite di osare tanto, optate per gli hamburger e sandwich: dal delicato veggy con falafel, zucchine trifolate, crema di caprino, pane al sesamo, patate al forno e salsa Santeria, all’Hardcore con carne di manzo, tomino piemontese alla piastra, speck sudtirolese, rucola, patate al forno, pane al sesamo e salsa Santeria (non ho chiesto di cosa si tratti, indagherò, promesso).
Ma in Santeria potete anche fare shopping nel negozio adiacente al cortiletto: libri (avrei dovuto comprare le Ricette Umorali di Isabella Pedicini), t-shirt, box set e cd e vinili selezionati e in edizione limitata.

santeria5

Wi-fi gratuito, ragazzi super simpatici, servizio velocissimo e spazi per il coworking e meeting room per eventi.
Il clima è rilassato ma frizzante, easy ma sveglio.

Un posto in cui venire da mattina a sera, senza nostalgie da rientro, ma solo con una grande carica per la nuova stagione in arrivo.

 

Buon nuovo inizio a tutti!

 

DOVE:

SANTERIA

Via Privata Ettore Paladini, 8  20133 Milano
02 3668 5216

http://www.santeriamilano.it/
https://www.facebook.com/Santeria.Milano

A proposito dell'autore

Ilaria

Ilaria, segno zodiacale Leone, classe 1980, cresciuta in Umbria a suon di Mila e Shiro e Soldini del Mulino Bianco, si fa adottare da Milano e dai tramonti dei Navigli, di cui si innamora durante un tormentato master in Bocconi. Ama Andrea, Domitilla e Susina, ma anche la pasta frolla, il rossetto rosso, lo yogurt greco, la bossanova, i fiori di zucca fritti, l'Islanda e il Giappone. Le piace mettere insieme le persone e i progetti, è tenace e non molla mai. Motto: We shall never surrender (cit. Winston Churchill).

Post correlati

3 Risposte

  1. francesca

    Anche io mi sono innamorata di quel libro!
    Ps: tornateci per l’aperitivo, merita davvero!

    Rispondi
    • Ilaria
      ilaria

      Devo assolutamente comprarlo! Tu lo hai letto quindi, me lo consigli!? 🙂
      Per l’ape in Santeria mi sa proprio che lo riproveremo a brevissimo 🙂 grazie per la dritta!

      Rispondi

Lascia un Commento