ZUCKER BAKERY | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Deliziosa pepita newyorkese di Emiliana, che anche durante una vacanza da sogno, ha trovato il tempo per pensare a noi di Pepite per Tutti e a regalarci questa meravigliosa Pepita che speriamo di provare di persona prestissimo!

Grazie Emi!! 🙂

 

Non trovate che svegliarsi la mattina e sedersi al tavolo della propria cucina a fare colazione, sia il rituale più bello di tutta la giornata?

Se poi, baciati dalla fortuna, vi capitasse di aprire gli occhi nel bel mezzo di Alphabet City, la zona più hipster di Manhattan, la regola è “fare uno strappo alla regola”.

 

A quelli come me, che, affetti dalla sindrome dell’orso polare di prima mattina, si ritrovano a fissare stralunati il soffitto, cercando la giusta ispirazione per poter cominciare la giornata, consiglio di accorciare i tempi di carburazione e di catapultarsi in strada.

Zohar Zohar vi attende da Zucker Bakery, la sua living room al 433 dell’ East Ninth Street.  

Ad attrarre me e la mia compagna di viaggio sono stati una panchina di legno con un tavolino rotondo fuori dal negozio, che, con un tocco di raffinato retrò, rompono il vintage mood tipico della zona.

E la conferma è arrivata dall’atipica offerta di delizie mattutine, che non hanno nulla a che vedere con i tradizionali muffins e cupcakes, che ci si aspetterebbe di trovare.

Appena varcata la soglia siamo state accolte dal timido sorriso di Zohar e travolte da un invitante mix di aromi e una varietà di dolci delizie dai nomi impronunciabili. Dopo qualche secondo d’imbarazzo iniziale, la curiosità ha preso il sopravvento e ho cominciato a tartassare Zohar di “what’s this?”, “And that?”, “What’s inside this one?”.

Le delicate fragranze delle  roses di Zohar sono il fiore all’occhiello di Zucker Bakery: al dattero dolce per i palati sopraffini, piuttosto che con mandorle e zucchero di canna per i palati più semplici, o al cioccolato per i palati più golosi. Credetemi, la voglia di schiuderle è irresistibile. Ancora meglio se accompagnate dal tradizionale American caffè latte.

E che dire delle conchiglie ripiene di datteri, mandorle e chiodi di garofano?  O dei cookies al dulce de leche ricoperti di scaglie di cocco? Per non parlare dei simpaticissimi fingers al miele e mandorle, ricoperti di zucchero a velo, dalla forma di dita affusolate.

E, last but not least, i famosi sweet breads, ispirati alla tradizione americana, ma rivisitati in Zohar total style.

Zohar ci racconta che il suo originale stile culinario deriva dalle sue origini ebraico- est europee e le sue ricette sono semplicemente il frutto della tradizione di famiglia, tramandata di generazione in generazione. Anche il nome Zucker, che significa “zucchero” in tedesco, non è altro che il suo nome da nubile.

Da Zucker Bakery tutto parla di calore domestico e familiare.

Il posto è una riproduzione della sala da pranzo di sua nonna, arredato con qualche divano, credenze, quadri di sua zia, pochi tavolini qua e là, con l’intento preciso, come Zohar stessa ci dice, di “far sì che la gente che entra qui possa sentirsi come a casa propria”.

Ed é così che Zucker Bakery è diventata “il tavolo della mia cucina” a New York, dove sedevo ogni mattina attendendo piacevolmente e silenziosamente i miei tempi di carburazione per cominciare la giornata.

L’ultimo giorno, zaino in spalla, sono passata e le ho parlato di Pepite per Tutti, promettendole che non solo io sarei ripassata, ma che avrebbe ricevuto presto a sorpresa la visita di Ilaria e Andrea … e non solo.

Se passate per NYC, nella lista dei posti da provare assolutamente, non dimenticate Zucker Bakery. E’ uno di quei posti che, come la filosofia “pepite” insegna, vi porteranno a dire:” Non ho visto solo NYC, ho visto ciò che di particolare c’è a NYC”.

 

 

 

DOVE:

Zucker Bakery

Contact: info@zuckerbakery.com
Address: 433 East 9th St.
(Between Ave A. and 1st Ave.)

http://zuckerbakery.com/

 

Nessuna risposta

  1. Emiliana

    Allora … Zohar vi aspetta per offrirvi una colazione con i fiocchi … E voi non potete deluderla … 😉 …

    Rispondi

Lascia un Commento