Home » MILANO » Locali » QUI MILANO – OSSO MACELLERIA E FORNELLI

QUI MILANO – OSSO MACELLERIA E FORNELLI

Una volta, da bambina, chiesi a mio papá di non andare al lavoro e di restare a giocare con me.

La risposta, molto dolce ma pratica, fu: ‘Ma papá deve andare a lavorare per guadagnare il pane‘.

io non lo mangio il pane, io mangio la ciccia

La mia risposta di bimba cicciottella di circa 5 anni fu: ‘Fa niente papá, io non lo mangio il pane, io mangio la ciccia‘.

Passo e chiudo.

Da allora le cose sono un filo cambiate, di ‘ciccia’ ne mangio davvero poca (papá non leggere), ma le rare volte in cui torno alle mie origini non vegetariane, lo faccio alla grande scegliendo tartare o tagliata e roast beef.

Stessa identica cosa ho fatto da Osso, ristorante di carne in cui siamo tornati più volte anche per onorare la mia infanzia di mangiatrice di ciccia.

Dai tavolini alti con sgabelli rialzati separati dalla cucina a vista, lo Chef Sebastiano Morello prepara una delle tartare di Reale più buona che abbia mai assaggiato, abbinandola in modo insolitamente piacevole con melone bianco per un tocco di freschezza inaspettata.

Mentre sbocconcelliamo del pane caldo e beviamo un bicchiere di vino, leggiamo il menú: dagli involtini di melanzane ripieni di carne e formaggio, al crostone con battuta di filetto saltata in padella tra gli antipasti.

Oltre alla tartare di Reale, i re della giungla che come me amano il crudo, possono scegliere tra quella di Black Angus o quella di manzo battuta al coltello, ma anche il carpaccio di filetto con pere, noci e gorgonzola o con mango, mele, rucola e pomodoro datterino.

osso-macelleriaefornelli

osso-macelleriaefornelli2

I pastasciuttari non si facciano mancare le pappardelle (o meglio ancora i paccheri) con straccetti di vitello, pomodori pachino e pecorino romano dop). Squisiti davvero, anche per una che la pasta potrebbe tranquillamente archiviarla.

 

Chi invece si sente un po’ ‘what’s America‘ vada sul sicuro scegliendo gli hamburger: da quello dello chef a quello con i carciofi (buonissimo) fino a quelli di Black Angus, se avete una carenza di proteine e ferro, date retta che ne compenserete una buona parte con grande soddisfazione!

Pane morbido con crosta croccante, carne di qualitá ottima, porzioni ‘serie’.

Noi non le abbiamo provate ma hanno un ottimo aspetto (e profumo) le tagliate di filetto di manzo e le carni alla griglia).

I dolci del giorno sono strepitosi, noi siamo ingrassati all’istante con la torta di pere saltate al Chianti e una leggerissima mousse di mascarpone e ricotta (dove leggerissima non è una battuta!).

Chi ama la carne o per chi come me, se la concede raramente, Osso è il posto adatto per concedersi una cena sostanziosa e di ottima qualitá.

Nota di Pepite: ça vans sa dir che la tipologia di locale richiede un impegno diverso rispetto ad una cena all you can eat o una pizzata con gli amici. Nonostante i prezzi secondo noi siano perfettamente proporzionati alla qualitá e alla quantitá, non ci andate a fine mese dopo aver fatto shopping selvaggio per rinnovare l’intero guardaroba 😉

 

 

DOVE:

Osso Macelleria e Fornelli

Corso Lodi 26 angolo Passo Buole, Milano (M3 Fermata Lodi TBB); autobus 77

Tel . 02 39521800

Sito

Email: info@osso-macelleriaefornelli.com

Lun-Ven 12-15 e 19-23

Sabato 19-24

Ilaria
Ilaria

Ilaria, segno zodiacale Leone, classe 1980, cresciuta in Umbria a suon di Mila e Shiro e Soldini del Mulino Bianco, si fa adottare da Milano e dai tramonti dei Navigli, di cui si innamora durante un tormentato master in Bocconi.
Ama Andrea, Domitilla e Susina, ma anche la pasta frolla, il rossetto rosso, lo yogurt greco, la bossanova, i fiori di zucca fritti, l’Islanda e il Giappone. Le piace mettere insieme le persone e i progetti, è tenace e non molla mai.

Motto: We shall never surrender (cit. Winston Churchill).

Find me on: Web | Instagram | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *