MOKU - FAVOLE DI STOFFA | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

‘Hai troppi grilli per la testa’                             

‘Quante idee ti frullano in testa’

‘Cos’hai in testa? Le scimmie urlatrici?’

‘Sei una testa vuota’

‘Che testa di cavolo che sei’

‘Ho un cerchio alla testa’

Potremmo proseguire all’infinito con tutti i modi di dire che ruotano attorno alla nostra testolina vero? Beh, sapete che indossando i cappellini di Moku potreste anche sentirvi dire: ‘Che poltrona ti sei messa in testa?’ ma anche: ‘Che papero ti frulla per la testa?’.

O anche: ‘Sei una testa di metro’. 🙂

Eh sì eh! Giulia Montagna, giovanissima artista autodidatta, laureata in Scienze Ambientali con indirizzo marino (!), capelli corti e allure che ricorda una giovane Audrey Hepburn, decide di ritagliarsi la sua personale ‘boccata di ossigeno’ imparando a realizzare copricapi deliziosi e assolutamente originali (che tra l’altro, sono tutti pezzi unici).

Dallo sfizioso cappellino rosa con divanetto chiccoso a quello con il cestino di frutta, fino al dischetto decorato da vecchi ingranaggi, modulando perfettamente la combinazione tra vecchio e nuovo.

 

 

 

Io li amo perdutamente tutti quanti, in particolare quello ornato da un groviglio di metri da sartina e rocchetti di filo, come se la testa di chi lo indossa stesse dichiarando: ‘Lavori in corso‘.

 

Cosa dire del cappellino Paperella? Scusate, ma almeno una volta nella vita bisognerebbe osare una meraviglia di ironia come questa, senza necessariamente chiamarsi Marina Ripa di Meana o Elisabetta d’Inghilterra, no? 🙂

Le Clienti di Moku sono donne giovani, ma consapevoli, che hanno voglia di sperimentare e divertirsi, divertendo gli altri. Non tutte le creazioni di Giulia però sono così eccentriche (ma a me piacciono soprattutto queste ultime): cerchietti e copricapi molto soft, pur senza perdere di originalità, nascono per decorare la testa di signore e signorine che vogliono avere un tocco particolare, ma sobrio (termine a me quasi sconosciuto).

 

 

 

Moku vuol dire anche abiti originali, adatti a tutte le taglie grazie alla cintura elastica in vita che li rende perfettamente vestibili da tutti: interamente realizzati a mano, sono anch’essi dei pezzi unici.

 

 

Beh, se in questo caso, se qualcuno mi desse della ‘testa di metro’, devo dire che lo prenderei come un complimento, voi no? 🙂

PS. potrete ammirare le creazioni Moku alla fiera ‘Fa la cosa giusta‘ da venerdì 31 a domenica 2 Aprile, non mancate!

 

DOVE:

info@moku.it

http://www.moku.it/index.php

Nessuna risposta

Lascia un Commento