OPLA' | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Avete presente quel giochino in voga anni fa, il cosiddetto ‘se fossi’? Quello in cui ognuno può immaginare di essere un ananas o un mandarino se fosse un frutto, un tiramisù o un babà nel caso di un dessert o un bel color magenta nel caso si immaginasse facente parte della scala cromatica?

Beh, io se fossi un personaggio dei libri, vorrei essere Alice nel Paese delle Meraviglie. Ammetto che l’idea di correre dietro ad un coniglio un po’ rincitrullito non mi entusiasmi particolarmente, ma questa storia fatta di incontri bizzarri con personaggi misteriosi e sfuggenti, mi ha sempre affascinato.

Se anche a voi piacerebbe farvi un bel giro in un mondo magico, popolato da leprotti e creature che sembrano appena uscite dai vostri sogni di bambini, non cercate di inseguire un coniglio bianco a Milano (vi sfido a trovarne uno che cammina per strada.. con l’orologio poi!), ma fatevi incantare dall’atmosfera speciale del mondo di Oplà.

oplà

Michela Deanesi, artista, designer e ideatrice di Oplà, vi accoglierà con la sua incontenibile energia, una  vitalità contagiosa e un tocco di magia, sotto lo sguardo dolce e intelligente dell’inseparabile bassotto Egle.

Nel suo negozio, che la stesso fascino di un camerino teatrale in cui ogni oggetto sembra vivere di vita propria, resterete incantati dalle signorine Oplà, meravigliose fatine che si muovono nell’aria, da conigli bianchi e neri che si trasformano in orecchini e spille multi ciondoli, da collane semplicissime attorno a cui volteggiano ballerine, orologi a cucù e piume sottili.

oplà

Sul bancone fanno bella mostra anelli tintinnanti di ciondoli e pietre colorate, meccanismi di orologi che hanno scandito ore passate, ora da portare al dito, orecchini di silhouette d’innamorati che si baciano unendosi in un abbraccio unico. Alle pareti e intorno agli specchi e alle cornici, fili carichi di ciondoli che sembrano amuleti o che raccontano storie di gatti curiosi,  sedie a dondolo e topolini, tazze per il tè a pois bianchi e rossi e acrobati che danzano.

 oplà

Michela ha esordito da poco con la collezione Dreams, pezzi ‘one of a kind’ che uniscono il gusto per la ricerca dei materiali vintage ai sapori onirici del circo e delle atmosfere rarefatte di felliniana memoria.  Ogni collana ha un nome che parla di lei: ‘Raccoglimi’ nasconde un antico cucchiaino che racchiude una stella e altri piccoli tesori, ‘Guardami’ gioca con una lente che muta forme, vecchi ciondoli e silhouette, ‘Giraffa’ unisce storie impalpabili fatte di parole non dette, perle e carta leggerissima.

 oplà

Per chi a volte ama vivere al confine tra la veglia e il sonno, a chi non ha paura di camminare perdendosi in nuovi sentieri, dedico questa pepita perché possiate anche voi, scoprire il piacere di diventare ‘Gente di Oplà’.

PS: Oplà è anche musica: iscrivendovi alla fanpage di face book, ogni sabato a partire dalle 18,30 Radio Oplà offre una carrellata di musica sixty selezionata e ricercata da un giovane dj alla scoperta di gruppi e pezzi sempre inediti.

 

 

DOVE TROVARLI:
Oplà
via Paolo Sarpi 56 (all’interno)
Tram 14,12. Bus: 57.
Telefono: 02 49 66 17 83
www.oplamilano.itinfo@oplamilano.it
www.micheladeanesi.itinfo@micheladeanesi.it
Facebook: Gente di Oplà

8 Risposte

  1. Emiliana

    L'anello con l'orologio é delizioso … e visto che non lo porto al polso perché lo scorrere del tempo mi agita … potrebbe essere un compromesso originale …

    Mi chiedo e dico … magari il coniglio bianco no … ma se fosse il cappellaio matto? … Beh, quello potrei seguirlo … e se fosse quello di Tim Barton … beh, non me lo perderei per nulla al mondo … Tu che dici?

    Rispondi
  2. ilaria

    che se il cappellaio matto fosse come quello di tim burton varrebbe la pena rincorrerlo almeno per tutta Milano 😉

    ma se i conigli ci portano tutti in posti come Oplà, io mi accontento lo stesso 🙂

    torniamo insieme a vedere gli anelli-orologi?

    Rispondi
    • Ilaria
      ilaria

      Sono d’accordo, se potessi passerei da Oplà più spesso (maledetti orari di lavoro!!!) perchè sembra davvero di entrare in un posto magico, sospeso nel tempo.
      E poi c’è Micky.. che tornerei a trovare ogni giorno!!

      Rispondi

Lascia un Commento