Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Le giornate si accorciano, gli alberi cambiano pelle, arrivano le prime perturbazioni e con loro il cielo si tinge già di tinte novembrine. Che si sia pronti o meno, l’autunno inizia a mandare i segnali del suo arrivo. E come si fa presente il richiamo della copertina in più ai piedi del letto, così scatta anche la voglia di portare qualche novità all’interno delle nostre sale da pranzo.
La tavola della stagione per me è calda senza stroppiare, chic e fuori dagli stereotipi, con richiami discreti agli emblemi stagionali… perché autunno non è necessariamente solo arancione e foliage.

autunno

Per i tessili d’autunno scelgo fibre naturali e finiture mat. Uno dei materiali con cui si va sul sicuro è senza ombra di dubbio il lino, con la sua sobria eleganza.

Consiglio di proporne in una versione più essenziale per tutti i giorni, mentre nelle occasioni speciali via libera a merletti e inserti di pizzo che facciano da elementi decorativi.

autunno

Foto 1 e 2 Zara Home, foto 3 Maison du Monde

autunno

Foto Zara Home

Sulle ceramiche ci concediamo invece foglie, fiori e tonalità autunnali, perfette per vestire le basi neutre di qualche tocco di colore.

In quest’ambito (ma non solo) Anthropologie ci regala – come spesso accade – molti motivi di felicità. Le proposte più colorate sono perfette da spaiare, alternandole a elementi bianchi, per una tavola in grado di farsi ricordare.

autunno
Un altro essential stagionale per me è la candela: è incredibile quanto contribuisca a creare atmosfera, e mi piace che si adatti al variare delle stagioni così da diffondere per la casa un profumo deliziosamente a tema.

Perfette per l’autunno quella all’aroma di caffè e cardamomo di Max Benjamin, quella all’aroma di vaniglia e cuoio di Byredo e quella lussuosissima all’oud, preziosa resina araba in via di estinzione, proposta da Tom Ford.

autunno

Margherita
Margherita Daverio, alias Cannella e Confetti. Classe ’84, vive a Milano dove lavora come PR.
Adora le perle e i cammei, le tovaglie della nonna e le acconciature anni ’30, tanto che a volte ha la sensazione di essere nata in un’epoca sbagliata.
Metereopatica e freddolosa, tollera l’inverno solo come conditio sine qua non per la neve e il Natale (che le scorre nelle vene 365 giorni all’anno).
Sognatrice ad occhi aperti ed eccessiva negli affetti, non potrebbe mai rinunciare alla famiglia, allo zucchero e ai suoi capelli lunghi.
Dal 2013 porta cuore e cucina nel foodblog www.cannellaeconfetti.ifood.it.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata