C'EST LA VIE... A PARIS | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Parigi val bene una messa‘ diceva Enrico IV.

Ed effettivamente, il sovrano inglese aveva visto proprio giusto perché,  fede religiosa e ragioni politiche a parte, Parigi val bene molte, moltissime cose. Al di là degli ovvi luoghi comuni (ma mai veri come in questo caso) che la vogliono magica e romantica, città per eccellenza scelta da chi si ama, capitale della Francia e della baguette, Parigi è davvero una città speciale.

La pioggerellina autunnale che cade sulle foglie che tingono d’arancio i marciapiedi grigi, i gridolini di stupore che accolgono la Torre Eiffel quando di sera si illumina di mille lucine capricciose, la disinvoltura con cui le donne francesi si stringono nei loro trench mentre staccano un pezzetto di pane dalla baguette che tengono in mano mentre escono dalle boulangerie affollate: Parigi è questo e molto altro.

Siamo legati a Parigi per motivi talmente importanti che raccontarli diventerebbe complicato (e poi mi sa anche che non ve ne importerebbe molto :D), ma non per questo vi risparmieremo qualche piccolo suggerimento gourmand per mangiare, assaggiare e gustare una città che va vissuta anche gastronomicamente.

Dalle immancabili brioche, alle tarte au sucre a le financier framboise, da le pain au rasin alle gallette, dalle quiche alle tartare ai formaggi saporiti e i piatti di origine marocchina che profumano l’aria di spezie.

Partiamo subito con alcuni consigli ‘etnici’ che abbiamo apprezzato come l’atmosfera molto suggestiva quella de Le 404, ristorante marocchino nel cuore del Marais parigino che propone un ottimo brunch la domenica.

Altra sosta da non perdere quella dedicata agli amanti del falafel: L’aus du falafel, gastronomia israeliana prelibata dove gustare anche dell’ottimo hummus (qualcuno mi consiglia un posto a Milano che prepara un hummus buonissimo?)

Da provare anche la Couscousseriè, qualità ad ottimo prezzo.

Ai tradizionalisti consigliamo l’atmosfera tipica de Les Ecuries, creperiè degli Champs-Elysées che offre una vastissima scelta di gallette e crepes, frequentata da qualche turista inglese e da moltissimi francesi. Divertente e confortante Le Bar à Soupes con una vasta proposta di zuppe del giorno.

Da segnalare anche tutta la delicatezza di Aurore Capucine che propone ottimi pan d’epices allo zenzero e arancia.

Se volete evitare le file giapponesi e kilometriche di Laduree, provate una delle tante patisserie in zona Passy (a due passi dalla Tour Eiffel), ahimè non ricordiamo il nome, ma vi consigliamo una pasticceria ottima proprio in Rue de Passy, accanto ad una gastronomia cinese :-). I macaroon giganti al limone e le eclairs sono bu-o-ni-ssi-me!

Non fatevi mancare la celebre baguette di Poilane, di cui vi consigliamo vivamente anche il pane all’uvetta e la tarte au sucre, splendido mix di dolce e salato.

Fate acquisti a La Maison du Chocolate e regalate pensierini cioccolatosi al rientro dal vostro viaggio parigino, vedrete che saranno davvero apprezzati 🙂

Ovviamente questa è solo una minuscola parte delle tante pepite che Parigi offre a chi ha voglia di farsi viziare e coccolare, ma speriamo comunque di essere riusciti a trasmettervi un po’ dell’atmosfera rarefatta e profumata di burro che abbiamo in mente noi, tutte le volte che pensiamo alla Ville Lumiere 🙂

ph. AlpsRabbit.

Nessuna risposta

Lascia un Commento