QUI VIAGGI: DOLOMITI - A SPASSO PER LA VAL GARDENA | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Alcune località montuose sono talmente rinomate nei mesi invernali per i loro impianti sciistici, che si potrebbe correre il rischio di non prenderle seriamente in considerazione anche d’estate.

A giudicare dal numero di turisti presenti a luglio, probabilmente non è assolutamente il caso delle Dolomiti, che senza alcun dubbio offrono delle località con dei servizi talmente di eccellenza da attirare turisti da tutto il mondo anche d’estate.

Cosa dire delle Dolomiti? Pulitissime, panoramiche, servite e care come la Sardegna (con poche eccezioni)!

Per andare sulle Dolomiti da Milano, nonostante si trovino nel Nord Italia, si possono impiegare anche 6 – 7 ore, purtroppo l’autostrada del Brennero può agevolare solo in assenza di lunghe code di camion! Per questa ragione la scelta è ricaduta sulla Val Gardena, che rispetto ad altre destinazioni (come ad esempio l’Alta Val Pusteria in cui prima o poi andrò!) sono più vicine da raggiungere. Se avete tempo concedetevi qualche tappa durante il viaggio, ad es a Molveno, per sgranchirvi le gambe ed apprezzare il paesaggio.

Come sede per cenare e dormire abbiamo scelto Ortisei, che con i suoi 1200 metri comincia ad ambientarti verso un clima diverso.

La cittadina, come Santa Cristina e Selva Gardena è ben servita da cabinovie, ovovie e soprattutto da una rete di autobus davvero efficiente!

Diciamocelo in modo esplicito, le cabinovie e le ovovie hanno davvero dei prezzi al di fuori della portata di un italiano “medio”, per cui anche se in pochi minuti si raggiungono altitudini notevoli, come Alpe di Siusi e Seceda, non sempre sono la scelta preferibile per il portafoglio di una famiglia! Mentre gli autobus, soprattutto se convenzionati gratuitamente con le strutture alberghiere come nel nostro caso, sono la scelta ottimale per qualche trekking interessante dal Passo Gardena a dal Passo Sella.

Il primo trekking scelto è quello del Sassolungo – Sassopiatto partendo dal passo Sella. Le ore di cammino sono quasi 7, con innumerevoli rifugi in cui potersi ricaricare ed un impegno elevato nella prima parte di ascesa al Sassolungo e una piacevole lunga camminata dal Rifugio del Sassopiatto al rientro a Passo Sella.

Ovviamente se per arrivare al Rifugio Demetz si prende la cabinovia credo si risparmi circa 1 ora! Il trekking è lungo, ma molto ben segnalato, quindi con meteo favorevole (considerando che a luglio c’era ancora ghiaggio) e abbigliamento adeguato, si può intraprendere seguendo la segnaletica dal sentiero 525 in poi.

Il secondo treking scelto è all’interno del parco naturale del Puez-Odle, partendo da Passo Gardena verso il Grande Cir. L’impegno è di 4 ore circa, ma il panorama è davvero incredibile: un canyon roccioso inimmaginabile dall’esterno. Il sentiero non è così ben segnalato rispetto al Sassolungo e un pò ostico in alcuni tratti (forse anche per la presenza di troppi turisti poco allenati che hanno creato gli stessi incolonnamenti presenti in autostrada!).

Il rientro ad Ortisei è accompagnato da un ingresso gratuito – convenzionato con l’albergo – nella piscina comunale che vi assicuro ha uno standard qualitativo decisamente più elevato di quelle milanesi! A cena potete deliziarvi con prodotti tipici e dolci che potrete permettervi perchè i trekking non mancheranno!

Grazie Val Gardena.

NOTE

  • Hotel Garni Snaltherhof – con tessera autobus gratuita e ingresso piscina comunale – assolutamente consigliato, vi sentirete a casa e la colazione è deliziosa con una vasta varietà di dolci e salato! http://www.snaltnerhof.it/it/ camera family (4 persone) per 3 notti dal 15 luglio 600 euro
  • Ristorante della piscina comunale http://www.mardolomit.com/it/eat-drink offre pizze molto sottili e croccanti, con impasti integrale e di kamut e piatti gustosi e abbondanti (canederli ma anche spaghetti alla carbonara, ecc) ad un prezzo inferiore alla media di Ortisei
  • Ristorante Mauriz Keller http://www.maurizkeller.com/it/ in centro paese ad Ortisei, offre piatti presentati con cura, gustosi in una location particolare che riproduce ambienti e stili diversi. Io ho provato lo stinco con le patate a 18 euro e non era affatto male! Consigliato

Lascia un Commento