QUI ROMA - LE SPIAGGE DI SANTA SEVERA | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

Quelle giornate di afa, 35 gradi all’ombra, aria bollente e folle di turisti che invadono le vie della capitale. Basta abbiamo deciso: l’unica cosa da fare: macchina, infradito e telo a righine (immancabile). Direzione? MARE.

Dove? Le Spiagge nere di Santa Severa. Perché poi chi l’ha detto che Roma non è anche una città di mare?

Un’oretta di tragitto (ma per i più pigri il primo mare romano dista solo 20 min. di macchina) e si arriva. Lasciata la macchina, si cammina fra i campi di grano che costeggiano il Castello (si vicino Roma è possibile anche farsi un tuffo all’ombra di un vero castello) e wuaaao: eccole le spiagge nere. Sabbia scura di origine vulcanica, acqua blu trasparente e Riserva Naturale Regionale di Macchiatonda qualche km più in là. Scegliamo bene il nostro posticino dove fermarci con vista castello e ooop: asciugamano sulla sabbia, crema ben spalmata (che puntualmente ti cola addosso appena ci si tuffa) e via di corsa in acqua.

AAAH CHE GODURIA.

Un posticino magico, molto wild a pochi km da Roma, dove la natura predomina, il relax è d’obbligo e il panorama è meraviglioso (vicino la capitale non si direbbe eh?). A caratterizzare questo luogo così selvaggio, c’è il Castello di Santa Severa, un edificio risalente alla seconda metà del V secolo, oggi aperto ai visitatori nel periodo estivo in cui gli eventi proposti sono diversi e numerosi.

Le Spiagge di Santa Severa

Riserva naturale regionale di Macchiatonda

Tel. 0766/571097

www.parchilazio.it/macchiatonda

Email: riservamacchiatonda@regione.lazio.it

Comune di Santa Marinella, via Aurelia 455

Castello di Santa Severa

Strada Statale 1 Via Aurelia, Km 52,600, 00058

Santa Severa, Santa Marinella RM

Tel. +39.06.39967999

Il servizio è attivo dal lunedì alla domenica dalla ore 9.00 alle ore 19.00

info@castellodisantasevera.it

Dopo un’oretta passata in ammollo (si, le mani sono pieni di pescetti ma per sconfiggere il caldo questa è l’unica soluzione!), sai quando ti senti un po’ come Mowgli nel Libro della Giungla, hai voglia di andare ad esplorare la natura così come sei…e allora, scalze e ancora bagnate, ci incamminiamo in riva al mare per una passeggiatona verso la Riserva, nella quale, se sei fortunato, si riescono ad intravedere anche dei piccoli aironi (ancora più incredibile!).

Con il sole che colora il cielo di quel rosa misto ad arancio che ogni volta ci emoziona, una birretta fresca presa al Castello (si perché tra i torrioni del Castello c’è, per fortuna, un piccolo chioschetto dove andarsi a rifocillare) è proprio quello che ci vuole.

Tra una risata e l’altra (la birra a stomaco vuoto in effetti è stata una grande mossa!), lo stomaco inizia a farsi sentire. Incamminandosi sulla strada del ritorno, se vi si apre una “voragine” improvvisa per la fame, insostenibile fino a casa, si potrebbe fare una piccola virata verso Maccarese e precisamente a Lo scoglio.

Le Spiagge di Santa Severa

Un altro di quei posti che non ti aspetteresti mai ad un passo da Roma, e invece esiste ed è davvero fantastico. A dominare qui è il colore, anzi i colori, tutti accesi: arancione, giallo, blu, rosso, verde. Un arcobaleno. Entriamo e l’attenzione viene catturata dall’atmosfera così incantevole: cabine con tetti blu a doppia falda, di quelle che non si vedono più negli stabilimenti di oggi, come quelle che riconosci nelle foto in bianco e nero dei nonni. Salvagenti e remi di legno appesi quà e la.

Le Spiagge di Santa Severa

I tavoli sulla sabbia sono la chicca. Eh si perché la bellezza qui è mangiare con i piedi nella sabbia sotto ombrelloni di paglia, accanto ad amache che ti aspettano per un pisolino post abbuffata. Dopo uno studio attento e accurato del menù si ordina: per iniziare bruschettine con vongole fresche e moscardini, un piattino di alici marinate. Poi sono d’obbligo i tonnarelli allo scoglio (a nostro avviso la loro specialità), rombo fresco (è lo stesso proprietario che ci assicura di averlo pescato lui la mattina stessa con quelle sue manone) e poi frutta fresca di stagione! AAAAH ovviamente il tutto accompagnato da un vinello bianco biologico delle cantine laziali Cantine Castello di Torre in Pietra (il Macchia sacra, tanto per rimanere in tema). Il sorriso è immediato non solo per il gusto intenso delle cose assaggiate ma anche per i colori sprigionati dai piatti di coccio sui quali sono servite tutte queste gustosissime prelibatezze.

Le Spiagge di Santa Severa

Finita la cenetta, il rumore delle onde del mare ci chiama…in riva al mare con i piedi dentro l’acqua e la luna tonda che ci guarda, sorseggiamo l’ultimo goccetto di vino: ma quanto sono belle le nostre estati romane?

E poi viaaaa a casa che domani è già lunedì, ma per adesso non ci vogliamo ancora pensare!

Lo scoglio, Maccarese- Fiumicino

Via Monti dell’ara snc

Tel. +39 06 66 71 238

info@loscogliomaccarese.it

www.loscogliomaccarese.it

– Per chi volesse andare a dare un’occhiata alle cantine laziali del Castello di Terre in Pietra:

Cantina Castello di Torre in Pietra

Via di Torrimpietra 247, 00050 Torrimpietra (Roma)

Tel. 06.61.69.70.70

cantina@castelloditorreinpietra.it

Orari della cantina

La Cantina apre dal Lunedì al Sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle 18,30

la Domenica dalle ore 9,00 alle ore 13,00

 

Lascia un Commento