Home » FOOD » LOCALI » RICETTE » QUI FOOD – THANKSGIVING DAY E LA RICCHEZZA DI DIRE GRAZIE

QUI FOOD – THANKSGIVING DAY E LA RICCHEZZA DI DIRE GRAZIE

Sono sempre stata affascinata da questo nome: Thanksgiving.

Compendio di tutto ciò che una festa dovrebbe essere.

Non soltanto “dire grazie” ma letteralmente “dare grazie”.

Donare un ringraziamento.

Restituire gratitudine.

pepite_thanksgiving

Ogni quarto giovedì di novembre, sul suolo a stelle e strisce si celebra la festa in assoluto più emblematica per il popolo americano: il giorno del Ringraziamento.

L’origine di questa tradizione risale a quasi 400 anni fa, quando nel 1621 coloni e indiani in Massachusetts si riunirono intorno a un tavolo con l’intento di ringraziare il Signore per il buon raccolto d’autunno. Questa unione di spirito e intenti tra fazioni opposte, lo sforzo di trovare un punto d’incontro per ottenere il bene comune, sono diventati simbolici.

Nel 1863, durante la guerra di secessione, il Presidente Lincoln ne proclamò ufficialmente la celebrazione facendo diventare il Thanksgiving una ricorrenza annuale.

Oggetto di ringraziamento sono generalmente i sentimenti, le attenzioni, le opportunità e soprattutto le persone; nella maggior parte dei casi, le stesse che vengono invitate a trascorrere questa giornata di festa insieme. Durante il Ringraziamento i commensali non sono solo i parenti, come spesso accade a Natale; ci si riunisce ad amici vicini e lontani, si aprono le porte di casa a colleghi e vicinato. Il Thanksgiving viene festeggiato infatti rigorosamente tra le mura domestiche, mai al ristorante.

Gli ospiti contribuiscono al menu portando le specialità di famiglia, tra i piatti della tradizione.

Al padrone di casa viene affidata la preparazione del tacchino, che consuetudine vuole sia di dimensioni mastodontiche e “stuffed”, ovvero abbondantemente farcito; salsiccia, pane, castagne, prugne secche e aromi vengono combinati tra loro per ottenere un sontuoso ripieno.

pepite_thanksgiving_food

Per insaporire e ammorbidire la carne del tacchino, piuttosto asciutta per natura, vengono servite in accompagnamento la salsa di cranberries e la salsa Gravy, ottenuta con il succo di cottura della carne, alcune verdure, del brodo di tacchino e poca farina aggiunta per addensare.

Come contorni ricordiamo le celeberrime mashed potatoes, una sorta di purè preparato con patate schiacciate grossolanamente e il cornbread, un panbrioche di farina di mais, perfetto per la sua capacità di assorbire le salse.

A chiudere in bellezza il pasto ci pensa la pumpkin pie, con il suo ripieno vellutato e piacevolmente speziato, delizioso colpo di grazia fino alla colazione successiva.

pepite_thanksgiving_table

Allo stesso modo, la tavola dev’essere intima, autunnale, festosa. Niente di troppo patinato: più che su ceramiche di design, incantevoli ma spesso fredde, è più intonato optare per le porcellane della nonna (che ora sono anche un super trend), meglio ancora se sapientemente spaiate.

Lo stesso mood guida la scelta delle decorazioni: le preferiamo calde, concrete e ispirate ai frutti della terra come zucche, melograni, chicchi di mais, grappoli d’uva.

pepite_thanksgiving_decor

Credits immagini: Pinterest

Margherita
Margherita

Margherita Daverio, alias Cannella e Confetti. Classe ’84, vive a Milano dove lavora come PR.
Adora le perle e i cammei, le tovaglie della nonna e le acconciature anni ’30, tanto che a volte ha la sensazione di essere nata in un’epoca sbagliata.
Meteropatica e freddolosa, tollera l’inverno solo come conditio sine qua non per la neve e il Natale (che le scorre nelle vene 365 giorni all’anno).
Sognatrice ad occhi aperti ed eccessiva negli affetti, non potrebbe mai rinunciare alla famiglia, allo zucchero e ai suoi capelli lunghi.
Dal 2013 porta cuore e cucina nel foodblog www.cannellaeconfetti.it.

Find me on: Web | Instagram | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *