QUI VIAGGI - UN WEEKEND A COPENAGHEN | Pepite per Tutti
Pepite per Tutti - Lifestyle WebMagazine

State programmando un lungo weekend a Copenaghen?

La città danese, ormai raggiungibile con diverse soluzioni low cost, non vi deluderà.
Ecco tutti i consigli per organizzare una vacanza dal mood nordico o meglio Hygge.

Copenaghen

DOVE DORMIRE

Copenaghen è una città cara per noi mediterranei, chiunque ci sia stato vi racconterà dei prezzi quasi stratosferici. Se grazie ad Easy Jet o Ryan Air potete trovare dei voli andata e ritorno per poco più di 80 euro, la scelta dell’albergo vi darà del filo da torcere. Prenotare con largo anticipo è l’unica alternativa per non trovarsi a pagare un weekend quanto una settimana a New York.

Airbnb diventa quindi la soluzione migliore per rimanere nel centro e non spendere una fortuna. Il prezzo di un corsa in metro è infatti pari a 4,50 euro e anche gli abbonamenti non sono più economici. La città però si gira a piedi o in bici, scegliere quindi una zona che vi permetta di evitare i mezzi pubblici è la soluzione migliore.

Il centro città si raggiunge facilmente dall’aereoporto con la metro al costo sempre di 4,50 euro (in questo caso, economico).

COSA VEDERE

Copenaghen non è una grande metropoli e molte delle attrazioni principali che anche la guida vi suggerirà sono tra loro vicine. Ecco alcune esperienze, oltre a quelle già imprescindibili come la Sirenetta e la zona dell’antico porto di Nyhavn, da non perdere:

Museo del Design – anche se non siete grandi esperti questo museo vi regalerà un viaggio nel tempo nel design nordico e non solo. Un modo anche per capirne meglio la filosofia.

Tivoli Garden – iI biglietto non è economico e se una volta dentro volete provare l’ebrezza di salire su qualche giostra dovrete comprare un ulteriore biglietto. La visita però vale la pena soprattutto la sera per immergersi in un mondo da fiaba tra laghetti e lanterne cinesi in pieno centro città.

Nyboder – a pochi passi dalla Chiesa di Marmo c’e un piccolo quartiere, in origine abitato dalla marina militare, dove le case sono tutte giallo zafferano.

Black Diamond – il nuovo edificio della biblioteca reale danese è una tappa imperdibile per gli appassionati di architettura e non solo.

Chiesa del Nostro Redentore – l’avete mai visto un campanile con scala a chiocciola esterna? Io no e qui sfidando il vento si può salire fino in cima per ammirare della vista.

DOVE MANGIARE

La cucina danese ha negli ultimi anni e grazie al Noma, che da pochissimo ha riaperto i battenti, conquistato la scena mondiale; un’esperienza gastronomica new nordic credo sia parte della scoperta di questo territorio.

Per un’ottima cena ad un prezzo ragionevole scegliete Höst. Prenotazione obbligatoria con anticipo per questo locale che nel 2013 ha vinto il premio come miglior ristorante di design al mondo. Per un’esperienza unica, chiedete di aver un tavolo nella sala con le piante.

Altra tappa immancabile il The Royal Smushi Cafe, il bistrot con giardino della Royal Copenaghen. Per degli ottimi Smørrebrød andate invece al mercato di Torvehallerne dove potrete pranzare spiluccando tra vari banchetti. Quelli più famosi in realtà sono quelli di Aamaanns che ha tre locali in città e che io ho particolarmente apprezzato.

Ha invece chiuso la famosa area dello Street Food Copenaghen che troverete forse ancora indicata nelle guide, poco lontano ha però aperto una nuova zona con diversi banchetti di streetfood e grandi tavolate in legno per cenare sui canali. Fermatevi inoltre, se non siete pescetariani come me, ad uno dei tanti chioschi per mangiare hot dogs.

Sentite l’ esigenza di un po’ di cibo sano?  La catena 7eleven presente ad ogni angolo della città vi salverà (se siete big fan come me di Pret a Manger avete capito).

Altra esperienza da consigliare, un pasto a buffet tra i tanti locali del porto.

Höst – Nørre Farimagsgade 41

Royal Smushi Cafe – 6 Amagertorv København K

Aamanns Deli & Takeaway – Øster Farimagsgade 10 (e in altri punti)

Torvehallerne Market – Frederiksborggade 21

 

COPENAGHEN IN BICI

Ai danesi la bici piace e la sensazione, come nel caso di Amsterdam, è che non esista stagione, meteo o logistica che li possa spaventare perché girano sempre e comunque in bici.

Le piste ciclabili sono quindi una costante e tempo permettendo, vale la pena noleggiare una bici e godersi la città su due ruote. Le soluzioni sono varie, dai noleggi che funzionano tramite app a quelli comunali. La nostra host ci ha però subito suggerito un noleggio privato (anche con iPad per le mappe)  perché alcune bici tecnologiche da noleggiare tramite app pesano molto.

Non farete fatica ad ogni modo a trovarne una.

 

SHOPPING DI DESIGN

Cosa si compra a Copenaghen? 

La risposta è abbastanza ovvia: un pezzo della Royal Copenaghen, lo storico brand di porcellana che ha un flagship store in centro. Sconsiglio vivamente  invece una visita all’Outlet dove troverete solo piatti e servizi di seconda scelta a prezzi comunque importanti, utile solo se avete un servizio e vi si è rotto un piatto da sostituire.

Non aspettatevi quindi di trovare la selezione del negozio del centro o qualche buona occasione. Per un po’ di shopping ecco invece una lista di brand importanti con negozi imperdibili per esposizione e bellezza, e qualche negozio in stile Tiger dove fare acquisti low cost.

Hay – Østergade 61

Arket – Købmagergade 33

Normann Copenaghen – Østerbrogade 70

Plint – Købmagergade 50

Studio Arhoj – Kigkurren 8M

Cousins – Vendersgade 13

Royal Copenaghen Flagship store – Amagertorv 6

 

INFO UTILI

CAMBIO MONETA
In Danimarca non c’é l’euro ma dopo quattro giorni a Copenaghen mi sento di potervi rassicurare: il bancomat o la carta sono accettati ovunque anche per minimi importi, compresi i piccoli chioschi che vendono l’acqua a poco meno di due euro. Si puó quindi evitare di prelevare o cambiare soldi. In certi casi al momento del pagamento si può scegliere se pagare in euro o in corone.

I DANESI
Un lato oscuro all’Hygge c’é ed é quello che spesso leggiamo nelle alte statistiche di suicidio dei paesi nordici; statistiche che stridono con l’idea di popolo felice. Quello peró che si percepisce da turista è un paese dove il sorriso e la gentilezza sono all’ordine del giorno. Una vacanza a Copenaghen è quello che ci vuole quando si ha bisogno di staccare e rilassarsi godendo di un paesaggio caratteristico e di una vacanza senza affanni e corso nel tentativo di non perdere nulla. I danesi sanno cosa significa ospitare e accogliere.

Lascia un Commento