Home » FOOD » LOCALI » QUI FOOD – RISTORANTI CHE SEMBRANO CASE

QUI FOOD – RISTORANTI CHE SEMBRANO CASE

Quando vado a cena lì mi sento così a mio agio che mi sembra di essere a casa mia.

L’avete mai detto di un posto un cui siete andati a mangiare?

Il senso di alcuni ristoranti è proprio questo, quello di far sentire chi va a pranzo o a cena fuori, un po’ a casa sua.

O a casa degli altri, come se fosse ospite da amici e da un momento all’altro potesse quasi alzarsi a prendere un bicchiere dalla dispensa o passare dalla sedia al divano a chiacchierare fino a tardi bevendo un caffè, l’ammazza caffè e quei biscottini così buoni che uno tira l’altro.

Certo poi ci sono anche quelle case che sembrano dei veri e propri bazar, quelli in cui sono stati accumulati tesori frutto di anni di viaggi e di incursioni nei mercatini del vintage, quelle case in cui le sedie a dondolo si mixano ai letti in ferro battuto, ai quadri pregiati e alle sedie di design, quelle case che ci ricordano un po’ Derriere, ristorante parigino nato dalla necessità del proprietario di collocare in qualche modo tutti gli accessori e i mobili che non riusciva più a tenersi in casa e che, ovviamente, sono diventati gli arredi di un ristorante che ha conquistato i parigini.

Di Casa Eatary vi abbiamo già parlato: dei suoi gamberi alla conza saltati in padella con granella di pistacchi, mollica e mandorle,  i profumatissimi gnocchi con fave, piselli e pecorino e la frittata rotta con taleggio e cipolla caramellata.

E anche della bellezza di mangiare affianco a una libreria e alle cartine geografiche che studiavamo alle elementari, sedersi su tavoli ampi a sufficienza per evitare di stare gomito a gomito con gli altri avventori.

Un posto per stare tra amici e tirare tardi a chiacchierare, senza guardare l’orologio, senza pensare alla dieta.
Così, come a casa.

È Divino a Capri è una casa accogliete e dal sapore vagamente bohemienne in perfetto stile caprese dove è possibile cenare seduti in camera da letto, senza sedie ma comodamente seduti sul letto vero e proprio, magari davanti ad un camino acceso in inverno. Un posto fantastico e celebre per turisti e non.

 

Ilaria
Ilaria

Ilaria, segno zodiacale Leone, classe 1980, cresciuta in Umbria a suon di Mila e Shiro e Soldini del Mulino Bianco, si fa adottare da Milano e dai tramonti dei Navigli, di cui si innamora durante un tormentato master in Bocconi.
Ama Andrea, Domitilla e Susina, ma anche la pasta frolla, il rossetto rosso, lo yogurt greco, la bossanova, i fiori di zucca fritti, l’Islanda e il Giappone. Le piace mettere insieme le persone e i progetti, è tenace e non molla mai.

Motto: We shall never surrender (cit. Winston Churchill).

Find me on: Web | Instagram | Facebook

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *